Tempo di lettura: 3 minuti.

Se stai cercando un modo per potenziare il tuo apprendimento e diventare più intelligente, la tecnica sviluppata da Richard Feynman potrebbe essere il modo migliore per imparare qualsiasi cosa.

Esploriamo il metodo utilizzato da Feynman, vincitore del premio Nobel per la fisica, per assicurarsi di aver capito tutto ciò che studiava, meglio di chiunque altro.

La tecnica di apprendimento di Feynman è strutturata in quattro passaggi:
1. Scegli un concetto che desideri conoscere
2. Fai finta di insegnarlo a uno studente del sesto anno
3. Identifica le lacune nella tua spiegazione; Torna al materiale di partenza, per capirlo meglio.
4. Rivedi e semplifica (facoltativo)

***

Se non stai imparando, stai fermo. Ma come ottenere feedback su ciò che stai imparando? E come puoi imparare nuove materie e identificare le lacune nella tua conoscenza?

Due tipi di conoscenza:
Feynman ha capito la differenza tra sapere qualcosa e conoscere il nome di qualcosa, ed è una delle ragioni più importanti del suo successo. La maggior parte di noi si concentra sul tipo sbagliato di conoscenza.
Il primo tipo di conoscenza si concentra sulla conoscenza del nome di qualcosa, come viene chiamato. Il secondo si concentra sulla conoscenza effettiva di qualcosa, ovvero la comprensione di qualcosa.

“La persona che dice di sapere cosa pensa ma non riesce ad esprimersi di solito non sa cosa pensa.” Mortimer Adler

La Tecnica di Feynman

Primo passo: insegna a un bambino.

Prendi un foglio di carta bianco. Scrivi in ​​alto la materia che vuoi imparare. Ora scrivi tutto quello che sai sull’argomento che vuoi capire come se lo stessi insegnando a un bambino. Non un tuo amico adulto e intelligente, ma piuttosto un dodicenne che ha il vocabolario e la capacità di attenzione sufficienti per comprendere concetti e relazioni di base.

Si scopre che uno dei modi in cui inganniamo noi stessi è che usiamo un vocabolario e un gergo complicati e questo maschera la nostra mancanza di comprensione.

Quando scrivi un’idea dall’inizio alla fine in un linguaggio semplice che un bambino possa capire, ti sforzi di comprendere il concetto a un livello più profondo e di semplificare le relazioni e le connessioni tra le idee.

Alcune punti saranno facili e questi sono quelli di cui hai una chiara comprensione. In altri punti, lotterai. Questi sono i punti in cui hai delle lacune.

Secondo passo: ripassa.

Solamente quando incontri delle lacune nella tua conoscenza – dove dimentichi qualcosa di importante, non sei in grado di spiegarlo, o semplicemente hai problemi a pensare a come interagiscono le variabili – puoi davvero iniziare a imparare.

Ora che sai dove sei rimasto bloccato, torna al materiale di partenza e imparalo di nuovo finché non puoi spiegarlo in termini di base. Solo quando puoi spiegare la materia in termini semplici puoi dimostrare la tua comprensione. Questo è il lavoro richiesto per imparare e saltarlo porta all’illusione della conoscenza.

Identificare i confini della tua comprensione limita anche gli errori che sei soggetto a commettere e aumenta le tue possibilità di successo quando applichi la conoscenza.

Terzo passo: organizza e semplifica.

Ora hai una serie di appunti fatti a mano. Esaminali per assicurarti di non aver usato per errore lo stesso gergo del materiale di origine. Organizzali in una semplice narrazione che puoi raccontare. Leggi il tutto ad alta voce. Se la spiegazione non è semplice o suona confusa, è una buona indicazione che la tua comprensione in quell’area necessita ancora di lavoro.

Se segui questo approccio più e più volte, ti ritroverai con un raccoglitore pieno di pagine su argomenti diversi. Se impieghi del tempo, ad esempio due volte all’anno, per riesaminare questo raccoglitore, scoprirai quanta conoscenza ti sia rimasta.

Quarto passo (opzionale): trasmetti.

Se vuoi davvero essere sicuro della tua comprensione, trasmettila a qualcuno (idealmente che sa poco dell’argomento – o trova quel dodicenne!). La prova finale sulla conoscenza risiede nella tua capacità di trasmetterla a un altro.

***

La tecnica di Feynman non è solo una meravigliosa ricetta per l’apprendimento, ma è anche una finestra su un modo diverso di pensare, che ti permette di scomporre le idee e ricostruirle da zero.

Quando stai conversando con qualcuno e inizia a usare parole o relazioni che non capisci, chiedigli di spiegartelo come se avessi 12 anni.

Non solo potenzierai il tuo apprendimento, ma supererai anche il loro. È importante sottolineare che affrontare i problemi in questo modo ti consente di capire quando gli altri non sanno di cosa stanno parlando (vedi Batesian Mimicry).

Feynman crede che l’intelligenza sia un processo di crescita, che si integra perfettamente con il lavoro di Carol Dweck, che descrive magnificamente la differenza tra una mentalità fissa e di crescita.

Bill Gates spiega la tecnica di Richard Feynman

Leave a Comment